Trova cosa fare e cosa vedere su UmbriaIN

Pulisci

FICULLE, I LUOGHI DA VISITARE by "L'Umbria che non ti aspetti"

  • Ficulle_luoghi_da_visitare.jpg

Il Post

  • Scritto da: Sandro Fiorentini
  • Il: 27/07/2021 10:10:19

L’aspetto di Ficulle è squisitamente medievale. Il centro storico, che sorge su un’altura a 437 m s.l.m., presenta un impianto pseudoellittico, dominato dalla mole dell’imponente Castel Maggiore e racchiuso entro la cinta muraria, culminante nelle due rocche poste all’estremità meridionale (presso Porta del Sole) e a quella settentrionale (in prossimità di via delle Mura).

Particolarmente suggestivo è il dedalo dei vicoli ficullesi che si dipartono, per lo più, dal centralissimo corso della Rinascita, fino a giungere alla suggestiva “Piazzetta” a nord. Ma è consigliata anche la passeggiata lungo il periplo delle mura castellane, da ogni punto del quale si colgono ammalianti panorami che spaziano dalle foreste dei colli umbri fino alla rigogliosa Val di Chiana e ai selvaggi calanchi.

Luogo di forte devozione cristiana, favorita dall’attività delle antiche Confraternite del Santissimo Sacramento, del Rosario e della Santissima Trinità, Ficulle vanta plurimi edifici di culto di grande rilevanza.


Si segnala, anzitutto, l’antichissima Chiesa di Santa Maria Vecchia (XIII secolo), a poche centinaia di metri da Porta del Sole.

Capolavoro architettonico ove elementi tardo-romanici si sposano col gusto gotico, conserva all’interno il citato cippo mitraico risalente al I secolo d.C., poi utilizzato come acquasantiera. Splendidi i capitelli medievali decorati con bassorilievi e i pregevoli affreschi (fra cui un trecentesco “Martirio di San Sebastiano”, nonché una raffigurazione del “Rosario” e la “Beata Vergine del Carmelo” del XVII secolo) mantenuti anche all’indomani della rimozione, a metà Novecento, degli intonaci interni. 

Sorge nel centro storico, invece, la Chiesa di Santa Maria Nuova, edificata nel Seicento (su progetto dell’architetto orvietano Ippolito Scalza) a beneficio della popolazione residente entro la cinta muraria. 


Nato come chiesa sussidiaria di quella Santa Maria Vecchia, l’edificio di culto divenne a metà del XVII secolo la Collegiata di Ficulle. Di aspetto tardo-rinascimentale, presenta un ricco interno suddiviso in tre navate, con stucchi e finti marmi policromi.

Splendide la cappelle del Santissimo Sacramento e quella delle Reliquie: quest’ultima conserva oltre tremila reliquie provenienti dalla collezione privata di Giuseppe Romani.

Interessanti le tele dell’“Ultima cena”, dei “Misteri del Rosario”, della “Madonna e i Santi”, nonché di “San Luigi Gonzaga” e di “Santa Margherita da Cortona”, queste ultime due di forma ogivale. 

Dietro l’altare maggiore, svetta uno splendido coro ligneo settecentesco. Sotto l’altare, riposa dal 1793 il corpo di un’ignota martire rinvenuto presso le catacombe romane di San Lorenzo al Verano, alla quale gli abitanti di Ficulle hanno fittiziamente attribuito il nome di Santa Vittoria, particolarmente venerata in questa terra. 

Altro luogo di culto assai caro ai ficullesi (che partecipano in massa alle celebrazioni che qui si tengono ogni anno, il 21 novembre) è la Chiesa della Madonna della Maestà, sita poco a sud del centro storico. L’esistenza dell’edificio è comprovata sin dagli inizi del XVII secolo e trae l’intitolazione dallo splendido affresco che domina la parete di fondo, raffigurante la “Madonna col Bambino su un trono di nubi tra Angeli e Santi”.

La Chiesa presenta un aspetto neoclassico, frutto di interventi architettonici ottocenteschi.

tratto da "L'Umbria che non ti aspetti, Wonderful Experience of Italy", autore Lorenzo Berna

Foto by Paolo Menchetti




Letto: 209 volte

Ficulle
  Scopri gli Eventi   Inserisci il tuo evento   Scopri il territorio   Torna al Blog   Vai alla pagina del comune di Ficulle
 

Dove trovarci