Trova cosa fare e cosa vedere su UmbriaIN

Pulisci

ULISSE DEL XXI SECOLO - XII FESTA SCIENZA FILOSOFIA

  • Locandina_Festa_Scienza.jpg

Il Post

  • Scritto da: Francesco Bartoli
  • Il: 31/03/2023 13:14:32

Ulisse del XXI Secolo
La Scienza strumento per affrontare le crisi globali


La XII edizione di Festa di Scienza e di Filosofia-Virtute e Canoscenza si svolgerà tra il 20 e il 23 aprile 2023; per la prima volta in due città: a Foligno e, nei giorni 21 e 22 aprile, anche a Fabriano. Queste due città sono unite dagli Appennini, dall’opera di Gentile da Fabriano, dalla storia della produzione della carta, dalla necessità di oggi di cercare nuove vie per il loro sviluppo. 

A più di un anno dallo scoppio della guerra in Ucraina, sentiamo il dovere di condannare con decisione il proseguimento di questo conflitto che vogliamo definire nuovamente “barbaro, inconcepibile ed estraneo alla razionalità rivolta alla ricerca del benessere dei popoli”. Esprimiamo il nostro cordoglio per tutte le vittime di entrambi i Paesi. Ci auguriamo che quando inizierà la XII edizione sia stato, almeno, deciso il cessate il fuoco e si siano consolidate le flebili speranze di un avvio delle trattative per la pace. Chiediamo che cessino le azioni di guerra e di violenza in tutte le parti del mondo. 

Festa di Scienza e di Filosofia-Virtute e Canoscenza è promossa e organizzata dal Laboratorio di Scienze Sperimentali O.D.V. in collaborazione con il Comune di Foligno, con la Regione Umbria e con l’Associazione OICOS riflessioni e, da quest’anno, anche con il Rotary Club di Fabriano, il Comune di Fabriano, la Regione Marche e il supporto del Rotary Club di Foligno. La denominazione “Virtute e Canoscenza” è un omaggio a Dante e all’anelito dell’Uomo ad espandere gli orizzonti della propria conoscenza. È anche un omaggio alla prima edizione a stampa della Divina Commedia, realizzata a Foligno nel 1472. Il tema sarà proprio: Ulisse del XXI secolo. La Scienza strumento per affrontare le crisi globali.

Le conseguenze delle crisi globali attuali gravano su tutta l’umanità e, in modo particolare, sulle generazioni più giovani a cui spetterà, nei prossimi decenni, la responsabilità di risolverle. La causa madre di tutte le crisi globali che l’umanità sta vivendo è di matrice economica, fondata su un modello di sviluppo nel quale le disuguaglianze globali sono ai massimi storici. 

Il rapporto con la Natura è cambiato dal momento in cui l’uomo l’ha considerata non più entità, ma mero mezzo di produzione, la cui potenza poteva essere soggiogata senza prenderne in esame le continue mutazioni e le conseguenze.

Stiamo vivendo l’Era geologica dell’Olocene, oggi denominata legittimamente Antropocene a sottolineare che in essa coesistono due temi complementari e contrastanti: i “recenti” cambiamenti naturali influenzati dall’azione umana e i “recenti” progressi dell’uomo. 

Greta Thunberg ha indicato una via molto precisa: “Non volete ascoltarci? Pazienza. Ma ascoltate gli scienziati”. L’indagine scientifica è fondamentale per attenuare le conseguenze delle crisi globali. Il riscaldamento globale sta avendo ed avrà sempre più un devastante impatto sul pianeta, ma altrettanto gravi, se non addirittura maggiori, saranno le conseguenze per il genere umano. Siamo infatti noi stessi i nostri più grandi nemici, proprio per il modello verticistico con cui ci rapportiamo con la Natura.

Riteniamo perciò che l’Ulisse del XXI secolo debba esprimere un’idea di Uomo che voglia e sappia mettersi in discussione, che si interroghi con curiosità e coscienza su ciò che fa e guardi in modo critico quello che gli accade intorno. Un Ulisse di Omero e di Dante, che mantiene la lucidità nei momenti di crisi, aiuta i suoi compagni nel rimanere sulla via razionale, fondando la sua vita sulla continua ricerca della conoscenza. Abbiamo necessità di un Ulisse attuale per rimanere nell’ambito della convivenza con il Pianeta.

La Festa di Scienza e di Filosofia-Virtute e Canoscenza sarà un appuntamento per studiare il presente e guardare al futuro con l’ottimismo del sapere: quel futuro che l’uomo può prevedere soltanto con gli strumenti della conoscenza.

Referenti della XII edizione saranno:

Edoardo Boncinelli, fisico, genetista, scrittore, divulgatore scientifico;

Silvano Tagliagambe, professore emerito di Filosofia della Scienza, Università degli Studi di Sassari;

Roberto Battiston, fisico sperimentale, Università degli Studi di Trento;

Massimo Arcangeli, Professore ordinario di linguistica italiana, Università degli Studi di Cagliari.


Il programma sarà articolato in tre ambiti:

le conferenze: saranno 130 a Foligno e 17 a Fabriano; saranno rivolte al pubblico adulto e agli studenti delle scuole secondarie di primo e di secondo grado; saranno individuali e a più voci, saranno riferibili alle seguenti aree:

- le grandi crisi globali attuali, in particolare i cambiamenti climatici;

- il ruolo della Scienza per affrontarle e attenuarne le conseguenze;

- ChatGPT, l’intelligenza artificiale, il mondo del Metaverso;

- il futuro della nostra salute;

- il superamento della disparità di genere;

- la libertà del pensiero razionale.

Il calendario delle conferenze consentirà ad ogni partecipante di costruirsi percorsi individuali attraverso le diverse sezioni.

Saranno proposte riflessioni sul rapporto fra la Scienza e altri ambiti del sapere, promuovendo una visione unitaria della cultura scientifica ed umanistica.

Experimenta: è l’Officina di Festa di Scienza e di Filosofia-Virtute e Canoscenza, dove si svolgono laboratori di diverse tipologie, non solo per studenti.

Eventi: è la Banca della conoscenza di Festa di Scienza e di Filosofia-Virtute e Canoscenza dove sono offerti diversi percorsi culturali, realizzati da varie Associazioni, Scuole e altri soggetti del territorio.

Saranno presentati i risultati dei primi mesi di realizzazione del progetto: I cambiamenti climatici. Monitoraggio dello scioglimento dei ghiacciai alpini, progetto didattico formativo e di sensibilizzazione sull’impatto del riscaldamento globale sui ghiacciai alpini.

I giovani saranno i protagonisti: ne sono gli Ambasciatori nell’ambito del progetto triennale: Il pensiero scientifico e letterario, del quale, nel corrente anno scolastico, si sta realizzando il secondo modulo: Spazio, suono e movimento. Sono previste iniziative rivolte ai giovani, molte iniziative saranno realizzate dai giovani, in molte altre ne saranno i primi attori. Gli studenti sono anche costruttori e organizzatori di Festa di Scienza e di Filosofia – Virtute e Canoscenza nell’ambito dei P.C.T.O.. 

Tutte le attività saranno ad ingresso libero.

Saranno partner scientifici della XII edizione: 

Consiglio Nazionale delle Ricerche, C.N.R.

Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, I.N.F.N.

Istituto Nazionale di Astrofisica, I.N.A.F.

Agenzia Spaziale Italiana, A.S.I.

Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, I.N.G.V.

Istituto Italiano di Tecnologia, I.I.T.

Gran Sasso Science Institute, G.S.S.I.

Istituto Nazionale di Ricerca Metrologica, I.N.Ri.M.

Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l'Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile E.N.E.A.

Institute de Fisica d’Altes Energies Barcellona, I.F.A.E. 

Università degli Studi di Perugia 

Università per Stranieri di Perugia

Università degli Studi di Genova

Università degli Studi di Camerino

Università degli Studi di Urbino, Carlo Bo

Università Politecnica delle Marche

Università degli Studi di Macerata

Ufficio Scolastico Regionale per l’Umbria

Ufficio Scolastico Regionale per le Marche

Fondazione Aristide Merloni di Fabriano

Sara Pandolfi, Pietro De Bellis

Liceo Classico “Francesco Stelluti” Fabriano.

Lucia Farnesini, Margherita Pucci, Lorenzo Manganelli, Lorenzo Pierotti

Liceo Classico “Federico Frezzi” Foligno

insieme con Pierluigi Mingarelli




Letto: 199 volte

Foligno
  Scopri gli Eventi   Inserisci il tuo evento   Scopri il territorio   Torna al Blog   Vai alla pagina del comune di Foligno
 

Dove trovarci