Login


L'utente accedendo accetta implicitamente Privacy e Cookie Policy del sito
Prendi visione della Privacy Policy e della Cookie Policy del sito UmbriaIN
 

Trova cosa fare e cosa vedere su UmbriaIN

Pulisci

Storia: La madonna del pianto, un culto antico...


Di certo a Foligno il culto della Madonna del Pianto si ricollega al fatto che a Roma, nell'anno 1646, in una diatriba tra due individui avvenuta in strada sotto un'edicola raffigurante una Madonna con Bambino, quello che stava avendo la peggio implorò l'altro di risparmiarlo in nome della Madonna ivi raffigurata, maquesti lo colpì.ferendolo mortalmente; A quel punto la Madonna iniziò a piangere. L'evento ebbe all'epoca molta eco fino a Roma e in altre città, e il culto per quella Madonna piangente si sviluppò in breve tempo per semplice spinta popolare.Fin dal quindiè grande la devozione dei cittadini per la immagine della Madonna, e ancora oggi si celebra la festività nella domenica precedente alla festa di sant'Antonio abate nel mese di gennaio. con l'attribuzione di copatrona preservatrice dalle disgrazie.Dal 1637 fu conservata nella chiesa di San Leonardo, nel centro cittadino, che diventò così Santuario, e veniva esposta ai fedeli soltanto durante la festa principale.
La sera del 14 gennaio 1703 durante le celebrazioni della Festa della Madonna del Pianto, la città fu colpita da un terremoto violentissimo che interessò tutto il centro Italia; i folignati, scampati al violento sisma, spontaneamente portarono la statua in processione per la prima volta il 28 gennaio di quell'anno, in segno di ringraziamento e devozione. ll Santuario di San Leonardo durante i bombardamenti nel secondo conflitto mondiale venne completamente disrtutto e la continuità del culto della Madonna del Pianto fu garantita grazie al trasferimento nella vicina chiesa di Sant’Agostino di fronte a piazza Garibaldi. L’effigie della Madonna con il Bambino viene esposta ai fedeli solo durante la festa principale, per il resto dell’anno si trova conservata nel presbiterio chiusa in una struttura a tempietto in legno sorretta da due angeli..e nascosta da un dipinto su tela, opera dell'artista folignate Matilde Galligari Mattoli riconducibile al periodo fine anni cinquanta / inizio sessanta del XX secolo, che riproduce l'immagine della Madonna stessa. Questo quadro copre la nicchia sovrastante l'altare maggiore del santuario dove è collocata la statua. Il giorno della festa della Madonna del Pianto viene calato in basso durante la prima messa mattutina per permettere la visione della sacra statua, per poi essere fatto risalire al suo posto alla fine dell'ultima messa pomeridiana celebrata dal Vescovo, a ricoprire la venerata immagine fino all'anno successivo.
  Vai al blog   Scopri gli Eventi   Inserisci il tuo evento Guarda gli articoli sui territori