Login


 

Fabro

Luciano Festuccia


Per comprendere l'importanza strategica che il castello di Fabro ebbe fino al 1600, bisogna considerare la situazione idro geografica che il territorio aveva in quell'epoca. La collina dove sorge Fabro era infatti una piccola penisola circondata dalle paludi della Val di Chiana, e tale restò fino appunto al 1600 quando fu effettuata la bonifica della valle e l'aspetto del territorio mutò radicalmente. La funzione del fortilizio dunque era quella di controllare l'incrocio delle strade sottostanti, facenti capo al guado di Carnaiola, punto nevralgico di confine fra Umbria, Lazio e Toscana

Innalzato subito dopo il 1000 su una preesistente fortezza romana, Castrum Fabri seguì sempre le vicende militari di Orvieto, sotto la cui giurisdizione passò definitivamente nel 1495. In questo periodo infatti il Comune di Orvieto provvide ad una notevole ristrutturazione ed ammodernamento, con l'intervento progettuale del Sangallo il Giovane, grazie al quale fu dotato del torrione esistente e fu considerevolmente rafforzata la cinta muraria.

Il centro abitato si è sviluppato sulla cresta collinare a partire dal 1500, lungo l’asse che andava dal castello alla chiesa quattrocentesca di San Basilio, completamente demolita negli anni Sessanta.

Piuttosto ben conservato, è ancora cinto di mura, con il bel torrione rotondo rivolto a nord, a guardare ancora il difficile confine con le regioni limitrofe.


Gli altri luoghi

Il Castello di Zocco

Poderoso castello difensivo sulla costa est del Lago Trasimeno, ancora in piedi con la sua cinta muraria e 5 torri. Da convento a fortezza nel Rinascimento. 
 

La Rocca di Umbertide

La Rocca di Umbertide: una delle più belle e ben conservate roccaforti cittadine d'Italia.  
 

La Rocca di Città della Pieve

Una possente fortezza costruita più per difendersi da ribellioni interne che da un esercito invasore. 
 

Ducato di Salci

Un ducato in miniatura fra il territorio di Perugia e quello di Orvieto. 
 

Altri luoghi