Login


L'utente accedendo accetta implicitamente Privacy e Cookie Policy del sito
Prendi visione della Privacy Policy e della Cookie Policy del sito UmbriaIN
 

Trova cosa fare e cosa vedere su UmbriaIN

Pulisci

La Fortezza di Castiglione del Lago

Luciano Festuccia


Fu una delle maggiori fortezze dello Stato Pontificio, posta a guardia dei tormentati confini con il Granducato di Toscana. La Roccaforte fu iniziata intorno al 1247 su probabile ordine dell’imperatore di Federico II di Svevia. L'intero borgo esistente venne distrutto e ricostruito sotto il coordinamento di Frate Elia da Cortona, contemporaneo di San Francesco e progettista fra l'altro anche della prima Basilica del Santo ad Assisi.
Di struttura pentagonale irregolare, ha quattro torri agli angoli ed il Mastio triangolare più interno di circa 30 metri di altezza. Delle torri, quella fallica e quella quadrata a sud sono del XIII secolo, coeve alla Rocca; le altre due rotonde sostituirono quelle precedenti nel XV e nel XVI secolo, poichè la superficie tonda dava maggiori sicurezze in seguito all'avvento dei cannoni.

La chiesa dei Santi Filippo e Giacomo, oggi rudere, era quasi sicuramente l'antica chiesa paleocristiana di Castiglione del Lago. Originariamente triabsidata, fu adattata a cappella per l'uso interno della fortezza. Fino al 1600 inoltrato era però funzionante e vi si celebravano anche matrimoni importanti.
Le possibilità difensive del castello furono aumentate con l'innalzamento di un secondo tratto di mura - del quale esistono oggi solo alcuni brani- che partiva dalla facciata del Palazzo ed arrivava fin quasi sotto il Mastio. Lo scopo era quello di offrire un'ulteriore barriera in caso di conquista del borgo. Per questo stesso motivo il camminamento di ronda del tratto murario fra il Palazzo e la prima porta del castello, coperto a tetto ai primi del 600, fu fornito di feritoie per fucili anche nel lato interno.
La fortezza di castiglione non fu mai conquistata se non per accordo o tradimento. Oggi fa parte del Percorso Monumentale ed è possibile visitarla percorrendo l'intero cammino di ronda sopra le mura, ed accedendovi dal suggestivo camminamento coperto.
  Vai al blog   Scopri gli Eventi   Inserisci il tuo evento Guarda gli articoli sui territori