Valerio Massimo Manfredi - archeologo e scrittore di saggi e di romanzi storici, con oltre 12 milioni di copie vendute in tutto il mondo, nonché viso conosciuto in TV per via della direzione di Stargate - Linea di Confine e Impero - racconterà la figura di Germanico Cesare durante quello che sarà l'evento di lancio delle iniziative per le celebrazioni della ricorrenza del Bimillenario dalla morte del grande condottiero romano che giunse a un passo dall'Impero.

Saluto istituzionale del sindaco di Amelia - Laura Pernazza, introduzione al racconto del Prof. Marcello Barbanera, presidente del Comitato Scientifico del Bimillenario.

GERMANICO CESARE
Germanico morì nel 19 d.C. ad Antiochia in Siria, forse avvelenato. Il giovane generale, prediletto da Augusto e designato a succedere al padre adottivo Tiberio, era all’apice dei suoi trionfi militari.

La moglie Agrippina ne riportò a Roma le ceneri, accompagnata dai figli, tra i quali il futuro imperatore Caligola, mentre Roma e tutte le città in lutto tributavano onori.

Associato da molti alla figura di Alessandro a cui lo accomunò la grande perizia nell'uso della strategia militare, la benevolenza che era riuscito a ottenere dalle truppe e dalla popolazione civile e, purtroppo, anche dalla precoce scomparsa.

IL GERMANICO DI AMELIA
Amelia, che ospita l’unica statua bronzea del condottiero giunta fino a noi, nel 2019 ne celebra i 2000 anni dalla morte con una serie di importanti iniziative.

IL BIMILLENARIO
In occasione delle celebrazioni del Bimillenario, Amelia ospiterà tutta una serie di eventi dedicati al Germanico, tra cui:
- 24-25 maggio il Convegno Internazionale “Germanico a un passo dall’Impero”
- 19 ottobre2019-31 gennaio 2020 la mostra con le opere dedicate al grande condottiero romano.

Un buon motivo per visitare la città del Germanico e il Museo Archeologico e Pinacoteca di Amelia (TR)

PRENOTA ORA
Basta un messaggio alla pagina con nome, cognome ed email + il numero di persone che verranno.

www.bimillenariogermanico.it

L’evento, organizzato dal Comune di Amelia con al costituzione di un Comitato Nazionale, è reso possibile grazie al contributo della Fondazione Carit.