Login


L'utente accedendo accetta implicitamente Privacy e Cookie Policy del sito
Prendi visione della Privacy Policy e della Cookie Policy del sito UmbriaIN
 

Trova cosa fare e cosa vedere su UmbriaIN

Pulisci

La necropoli di fosso San Lorenzo

  • 51785983_2184893088215957_2147385048435785728_n.jpg

Il Post

  • Scritto da: Alessia  Marchetti
  • Il: 03/07/2019 10:59:29

Necropoli=  termine derivante dal greco "nekros --> morto" e "polis --> città", altro non è che il corrispettivo moderno del cimitero, che indicava nell'antichità un luogo di sepoltura formato da un agglomerato di tombe, disposte in maniera tale da formare un complesso urbanistico. 


                                                                 


Poco distante dall'abitato di Montecchio, in località San Lorenzo, si trova un interessante sito archeologico che vale la pena visitare, grazie a percorsi guidati, con guide autorizzate.

Il parco del periodo umbro-etrusco, che custodisce ancora oggi circa 3.000 antiche tombe gentilizie, è stato interessato successivamente dall'influenza di un altro popolo, quello romano, come si evince dai resti di ceramica rinvenuti in loco e propri della prima età imperiale.

Tutti i resti dei ritrovamenti sono conservati presso la struttura museale, al cui interno è possibile ammirare corredi funerari, fibule, anelli, vasellame e buccheri.

                  


Le tombe, comunque, che si sviluppano su livelli diversi, sono sepolture a camera quadrangolare, scavate nel terreno (matile), alle quali vi si accede tramite un corridoio a cielo aperto, detto dromos.


                                                 


I caratteri architettonici collocano, a livello temporale, i ritrovamenti archeologici in un periodo compreso tra la fine del VII secolo e gli inizi del VI sec. a.C. per quanto riguarda le sepolture più antiche, ed il IV sec. a.C. nel caso di quelle più recenti.


                                                               

Di notevole importanza anche i reperti rinvenuti durante la fase di scavo delle tombe: oggetti in bronzo e di ceramica, utensili per la preparazione e la cottura dei cibi, monili preziosi e contenitori per unguenti, che attestano l'esistenza di una società economicamente e culturalmente progredita.  

Particolare è il ritrovamento di alcune fosse destinate alla sepoltura dei bambini, un'usanza di certo non generalizzata tra i popoli dell'epoca e cronologicamente circoscritta.




Montecchio
  Scopri gli Eventi   Inserisci il tuo evento   Scopri il territorio   Torna al Blog   Vai alla pagina del comune di Montecchio
 

Dove trovarci