Login


 

CASCIA

Il Post

  • Scritto da: Alessia  Marchetti
  • Il: 05/02/2019 12:20

Immersa nelle verdi e lussureggianti montagne umbre, la cittadina di Cascia deve la sua notorietà al santuario eretto in nome di Santa Rita, uno dei più importanti centri spirituali cattolico-cristiani, nonché meta di pellegrinaggio di fedeli provenienti da ogni parte del mondo.
Fondata in epoca romana, Cascia visse un periodo di grande prosperità durante il Medioevo, con la dominazione della signoria folignate prima, e con quella di Federico II di Svevia poi.
Fu annessa allo Stato Pontificio nel 1500, rimanendone assoggettata per meno di 30 anni. Da allora mantenne sempre la propria indipendenza.
A livello religioso, come già accennato poc'anzi, la città è famosa per aver dato i natali a Santa Rita: la suora, santificata nel 1900, visse in questi luoghi tra il 1381 e il 1457.
Oltre alla Basilica Santuario e al Monastero di Santa Rita, altri importanti luoghi da visitare sono: la chiesa gotica di San Francesco  e quella di Sant’Agostino (con stupendi affreschi propri della scuola perugina); la collegiata di Santa Maria (forse l'edificio più antico della città, nonostante le successive ristrutturazioni subite nel tempo a causa dei violenti terremoti succedutisi nell'area); Palazzo Carli e Palazzo Santi, oggi sede del Museo.
Merita una visita anche la frazione di Roccaporena, che custodisce i ricordi della vita di Margherita Lotti (Santa Rita). Potrete vedere la sua casa, diventata attualmente una cappella, lo scoglio dove era solita pregare, il roseto e l'orto del miracolo, dove si dice che durante un gelido inverno del 1457, pochi giorni prima della sua morte, sbocciò una rosa e maturò un fico.
Ma Cascia non è solo religione e storia. La città va anche ricordata per la suggestiva foresta di Tazzo, uno dei boschi più conosciuti in Valnerina, dove enormi querce secolari regalano ogni inverno squisiti porcini.
A livello gastronomico, Cascia è conosciuta per la coltivazione in loco e il commercio dello zafferano, oltre che per altre prelibatezze, come il miele e il tartufo.

Torna al Blog
 

Dove trovarci